Esisto, dunque sono. E ne scrivo.

A 29 anni, con marito e figli al seguito, mi sono scoperta lesbica. Mi è preso un colpo. Ma non sono morta. E neppure (ex) marito e figli, se è per questo.

Per questo motivo ho aperto il blog un po’ di tempo fa. Per rispondere all’esigenza di raccontare la MIA storia. Una storia di cambiamento e flessibilità. Ma soprattutto una storia di crescita, di consapevolezza e di resilienza.

Mi chiamo Veronica. Amo la pizza, la scrittura, il teatro e le persone. Mi perdo nei tramonti, tra le nuvole, tra le righe e per le strade. Il senso d’orientamento non è decisamente il mio punto forte.

Cercavo l’equilibrio e la serenità. Li ho trovati nella capacità di accettare ciò che viene e nel mettermi in discussione. L’unico problema è che spesso discuto con me stessa e non ne esco sempre vittoriosa.

Se volete scrivermi, questa è la mia mail: barsottiveronica@gmail.com.

.

Veronica Barsotti

P.S.

Curo e gestisco personalmente i contenuti e modero i commenti. Pertanto, quelli ritenuti offensivi, noiosi, autoreferenziali e che non apportano nessun contributo alla discussione ma rappresentano inutili flame non verranno approvati.

Del resto, io non vengo a casa vostra a sbriciolare sul divano o a insozzare il tappeto con le scarpette fangose.

Si chiama rispetto dello spazio (e del tempo) altrui.

 

66 commenti » Lascia un commento

  1. Ti sempre “usata” come metro di misura/paragone quando una persona che pensavo amica si è scoperta lesbica..! Non l’ho mai giudicata ma lei aveva e ha cosi tanto la coda di paglia che mi son presa dell’omofoba e sono stata cancellata…, avesse solo una parte della tua maturità nel condurre la sua vita! 🙂

    • Grazie Saretta. Sto scoprendo sulla mia pelle che le persone permalose, acide, rancorose e polemiche sono persone irrisolte e problematiche.
      Sicuramente vivere in un Paese che tratta gli omosessuali come cittadini di serie B amplifica quelle che sono, alla fine, difficoltà personali ad accettarsi e a viversi con serenità. Esistono situazioni pesanti, è innegabile. Ma spesso sono le persone ad essere omofobe con loro stesse. Non ti curare delle tua amica 😉 problema suo. Un abbraccio

  2. Grazie per la leggerezza con cui affronti questo tema.
    Io ci sono dentro fino al collo con una situazione molto simile alla tua, ma la sto vivendo ed affrontando purtroppo con tutt’altro spirito. Soprattutto sono circondata da familiari così bigotti che mi minacciano oppure sono ancora convinti che io possa un giorno cambiare idea.

    • Catuz anche i miei non sono esattamente degli illuminati. Così come molte persone che mi circondano. Per anni hanno sperato che la mia fosse una fase. All’inizio mi sembrava tutto assurdamente difficile. Non sapevo cosa fare. Mi sentivo sbagliata e in difetto. Il mio primo passo è stato capire che non lo ero, che dovevo accettarmi e volermi bene. Essere omosessuali non è una scelta e non è sbagliato. Così come essere etero o bisessuali. Una volta che mi sono sentita tranquilla, si sono rilassati tutti. Le battute e le cattiverie forse arriveranno ma non mi spaventano più. Vai avanti per la tua strada e sii la prima a rispettarti. Gli altri o si adeguaranno o…ciccia 😉

  3. Pingback: Del giorno in cui ho conosciuto Veronica | Il mio Mondo Nuovo

  4. Noto una grande brillantezza , semplicità e naturalezza in questo blog, giusto vivere la propria quotidianità al meglio , perchè essere omosessuali è naturale e bisogna prima di tutto accettarsi con sè stessi e continuare la propria vita al meglio come tutti !!!
    Io sono compagno di un padre di due figli e oramai i figli sono anche i miei e mi riempono la vita di gioia

  5. Non ti conosco, ma un pollicescaldapiedi virtuale a sostegno ve lo mando col cuore e con la testa. Abbracci grandi, siete forti, e un grande esempio. ciao

  6. Una donna, una mamma, una lesbica, what else?!
    Beh una persona semplicemente una persona.
    Pensa che bello un mondo in cui si parlasse di persone e basta. Non di uomini, donne, lesbiche, neri, disabili, abili, etc…..,solo persone
    Un abbraccio
    Alex

    • Spero arrivi il giorno in cui non sarà più necessario questo blog, le manifestazioni e le proteste. E le persone siano valutate per la loro etica e il loro agire, piuttosto che per l’orientamento sessuale o l’etnia 🙂

  7. grandiosa qst famiglia! non capisco mai come gli altri non si limitino a godere della bellezza e della felicita altrui! forse è tutta invidia… invidia x il coraggio e la forza e la verità di chi riesce ad essere serenamente se stesso.
    io penso sia bellissimo il vostro amore e la vs famiglia!!
    e poi chi è più etero di voi? …eterogenei!!!! ;D

  8. Stessa età, storie diverse, conclusioni analoghe. Non lesbica, io, ma bisessuale e anche per questo spesso guardata con un sopracciglio ancora più alzato che sempre nasconde un palesissimo sottotesto: “deciditi!” (???).
    Ho iniziato a leggerti e continuerò a farlo
    Un abbraccio, forte forte

  9. Ti ho scoperta ieri sera e non sono riuscita ad andare a letto prima di aver letto tutto il tuo blog… Risultato, qualche sbadiglio di troppo stamattina, ma tanti spunti su cui riflettere, grazie!! Hai una famiglia meravigliosa, continuerò a leggerti molto volentieri…

  10. Grazie ai rimpalli da altri blog che seguo, sono giunta sul tuo. E non posso che esserne più che felice! In bocca al lupo per tutto, sei grande.

  11. Ma quindi un giorno ti sei svegliata e gli uomini non ti piacevano più? eppure hai fatto due figli con un uomo

  12. complimentissimi!
    il tuo blog mi fa ridere tantissimo, hai un modo di raccontare le cose incredibile 😉

    e poi…beh, leggere della “normalità” (tra virgolette perchè la vita non è mai normale. e tanta stima per tua figlia ed il discorso sui vestiti che fanno urlare XD) della tua vita, mi fa passare quella punta di panico che ogni tanto (ma per fortuna sempre di rado) punge allo stomaco quando penso al futuro!!!

    e poi casa mia….senza figli, ma è un circo molto simile al tuo (ovviamente, essendo io pischiella, da me si mescolano casini su più generazioni) ma….meno male che siamo multitasking!!!! 🙂

      • già!
        il bel paese non è poi molto bello!!

        ma oltre alla classe politica a me spaventa anche il menefreghismo dilagante delle persone, giovani in primis!!

        • Certo, anche perché, quei “signori”, li avrà pur eletti qualcuno! Comunque credo sia importante che ognuno di noi ci metta la faccia e s’impegni in prima persona. Non si può più delegare.

  13. complimenti per la leggerezza e la profondità con la quale scrivi e descrivi le cose che ti accadono. Mi strappi sempre un sorriso!

  14. Mi preparavo ad un we di mare e un libro nuovo da iniziare (sempre un bel momento per me), ma
    credo leggero’ la tua storia Veronica, tutta, così da poter godere appieno dei tuoi articoli futuri! Bellissimo blog e si, speriamo che un giorno non ci sia più bisogno di alcuna protesta ma tu continua a raccontarci di te!

  15. Ho appena scoperto il tuo blog e lo sto divorando.
    Eccezionale, riscopro sensazioni e pensieri di quando avevo scoperto Claudio Rossi Marcelli e letto il suo libro… Spero che arrivi presto anche il momento per te, di scriverne uno!
    (o magari, l’hai già fatto?)

    Un abbraccio!

  16. ciao ,ho letto la tua storia su Tu Style e così sono arrivata al tuo blog …che mi piace tantoooo 🙂
    Per ferragosto ero in compagnia di parenti e vari nipoti di varie età,e casualmente è uscito il discorso Gay…Beh ,c’è stato un parapiglia di opinioni 🙂

  17. Dopo una vacanza con un’amica e i nostri 4 figli (di 4 e 14 mesi, e 4 e 3 anni e mezzo) ho cominciato a sostenere che la famiglia omogenitoriale al femminile sia potenzialmente quella perfetta.
    Quindi ora mi siedo qui e vi studio, se non ti dispiace, così vediamo se la teoria regge.
    🙂
    Abbracci.
    S

    • Oddio, così mi assale l’ansia da prestazione 😀 Anche perché non credo esista la famiglia perfetta. Non è che qui manchino litigi ed incompresioni. E a dire il vero non siamo nemmeno “omogenitoriali” nel senso stretto del termine, perché i nostri figli hanno il papà (ovvero un padre per i miei e un padre per la figlia della mia compagna). Siamo “genitrici -lesbiche”, probabilmente 😀

  18. Sono arrivata al tuo blog facendo ricerche per la mia tesi di laurea. Ho letto a ritroso tutto quanto, inutile dire che è stata una delle letture più interessanti e divertenti da tanto tempo! Fantastica!

  19. Ti ammiro molto. E’ come la tua che immagino la mia, di famiglia. Ho 22 anni e sogno una famiglia con la donna che ho accanto, ma se costruire se stessi oggi a quest’età è difficile, costruire una famiglia lo è ancora di più. E lo è ancora di più senza modelli di riferimento, senza l’approvazione della propria famiglia d’origine, sentendo tutto intorno ostile. Sto imparando a mie spese che non è necessario piacere a tutti e che la vita è la mia. Spero di averne il coraggio necessario e di diventare grande come te!!
    Complimenti davvero per il blog e per la vita,
    tanto affetto a voi tutti!!!

  20. Forse un giorno persone come te mi faranno capire qual’è la verità sulle adozioni da parte di omosessuali.
    Sono favorevole alle unioni, ma sono in stasi sulle adozioni. Non credo che solo perché si dispone di due apparati genitali complementari si sia qualificati e in diritto di essere genitori, però non so quali sono gli effetti per i bambini nel crescere in una famiglia come la tua. Non voglio che siano i miei pregiudizi a guidarmi, ma i fatti e le persone che li vivono. È stata una sorpresa perciò leggendo un tuo articolo consigliato da idoloridellagiovanelibraia leggere la tua descrizione di mamma lesbica. Mi incuriosisci e penso che potrò imparare qualcosa 🙂
    Buona vita!

  21. Scoperta oggi, piaciuta subito. Per la tua semplicità, per diverse affinità, per via della mia curiosità.
    Ti seguo. Ciao ciao!

  22. Ciao Veronica. Io mi sono scoperta lesbica a 30 anni, e dopo 3 anni di esperienze che mi hanno lasciata spaventata, ho deciso di fare finta che quella parte di me non esistesse. Per qualche anno è andata. Poi LEI è tornata prepotentemente nella mia mente e non vuole andarsene più. Vuole vivere. E io con lei. Scrivo tantissimo e visto che nessuno mi ascolta ieri sera ho “creato” il mio blog…
    E oggi, cercandolo (si chiama “la lesbica tardiva”) ti ho scoperta. È bello scoprire di non essere sole

Rispondi