Nuda veritas
Lascia un commento

Piccola pausa “a maggese”

In occasione del mio matrimonio, mi sono concessa un regalo: una pausa.

Non ho smesso di scrivere, lo sto facendo su carta. Ho ricominciato con la camminata sportiva, con il cinema, con la lettura compulsiva di libri, con il tempo da dedicare ai ragazzi, con le chiacchierate con le amiche. Mi sono messa a maggese nel periodo tra la celebrazione del rito e il viaggio di nozze, la mia mente ipercinetica aveva bisogno di essere lasciata priva di vincoli e di obblighi, volevo fluttuare senza essere obbligata ad arrivare da qualche parte.

È il momento delle mani, del fare, di scoprire nuove ricette e rivisitare quelle vecchie; è il tempo delle carezze, del preparare la terra lasciandola a riposo per ritrovare fertilità ed energia vitale; è il momento delle gambe, dei nervi, dei muscoli, delle narici che respirano aria buona e dei polmoni che si puliscono dal tabacco (ho anche smesso di fumare da due settimane!).

Avevo bisogno di un nuovo inizio.

[Nel frattempo fate i brav*, tornerò nella seconda metà di Marzo sul blog. Se volete seguire le Stories del viaggio in Messico, QUI il profilo Instagram.]

Rispondi