Nuda veritas
2 Commenti

Etichette? No grazie! Preferisco essere me stessa

Sono insofferente alle etichette. Mi creano prurito. Non le tollero nemmeno sui vestiti. Non a caso la prima cosa che faccio quando compro uno straccio da indossare è tagliarle. [Immaginatemi forbici alla mano e uno sguardo sadico.]

Figuriamoci quanto posso accettarle se appiccicate alle persone o – ancor peggio – alla mia persona. Quando, diversi anni fa, decisi di aprire il blog, scelsi  come nome “Fuori Logo” e non a caso. Il nome mi rappresenta molto: un passato da etero, un presente da lesbica e un futuro tutto da scrivere. Anche il sottotitolo persegue lo stesso obiettivo, quel what else non è un omaggio al celebre caffè solubile, ma una tana del Bianconiglio che lascia ad ogni possibilità la libertà di realizzarsi.

Dal mio primo coming out ad oggi capita spesso di sentirmi dire «Non sembri lesbica», che, se da una parte mi fa ridere – quanti stereotipi ancora ben radicati nella stessa comunità LGBTQ! – dall’altra mi lascia perplessa.

Dall’omosessualità non si guarisce, esattamente come non si guarisce dall’eterosessualità. Il motivo è semplice e ontologico: non sono malattie. C’è chi da fin dalla tenera età prova nitidamente attrazione per persone del proprio sesso e chi no. Esattamente come può succedere di cambiare orientamento nel corso della propria vita.

Da sempre sono un’attiva sostenitrice della sessualità fluida. Nella vita cambiamo infinite volte, spesso su cose piccole, a cui magari non facciamo caso, a volte su questioni più complesse come nel caso dell’orientamento sessuale o dell’identità di genere.

Tornando a me. Non sembro lesbica? Sono una lesbica impura? Sono un’etero pentita? È davvero così importante categorizzare l’altro e imprigionarlo insieme alla sua etichetta?

Ogni mattina mi sveglio – no, non inizio a correre nemmeno se ho un leone attaccato alle chiappe – e m’impegno nell’essere coerente con ciò che sono, con i miei sentimenti, le mie emozioni e soprattutto i miei valori.

E sogno un mondo in cui le persone vengano considerate nella loro unicità e in cui la pizza non faccia ingrassare.

Lasciatemi sperare.

[Tranquill*, comunque, non è un post per introdurvi l’avvento di un fidanzatO :D]

 

2 Commenti

  1. laperfezionestanca dice

    Anche perché basta cambiare, oh! Teniamoci il/la fidanzat* attuale e impegniamoci, via. Che poi i lettori si confondono, accipippola.

Rispondi