Brita e i sacchettini di amore

– Mamma, oggi ho spiegato la “Storia dei sacchettini di amore” a una mia amica

– Ah sì, e cosa le hai detto?

– Che nel cuore di ognuno di noi ci sono dei sacchetti pieni di amore e su ogni sacchetto c’è scritto il nome delle persone a cui vuoi bene. Il nome è importante, perché così il cuore non si sbaglia e non usa il sacchetto di qualcun altro. E anche i sacchetti sono diversi, ci sono quelli più piccoli, per le persone a cui vuoi benino e quelli GRANDI per le persone che proprio gli vuoi benissimo. Per esempio, adesso che sono grande, so che quando abbracci Ariele stai usando il sacchetto suo e mica il mio e io sto tranquilla. Ma non è finita mica così, eh. Perché poi, mamma, a volte si smette anche di volere bene alle persone. Ecco, allora in quel caso lì, possono succedere due cose. Il sacchetto si può svuotare un po’ alla volta, come se fosse bucato e iniziasse a perdere quel che c’è dentro, ogni giorno diventa sempre più floscio e si accartoccia, tipo i palloncini che volano, hai capito? Che quando li compri sono belli gonfi e poi si sgonfiano sempre di più. Oppure può succedere che il sacchetto esplode tutto insieme e smetti subito di voler bene a quella persona, perché magari ti ha fatto male o è stata crudele e allora succede subito. Boom. In questo caso non c’è niente da fare, perché il sacchetto mica lo puoi ricomprare, eh. Invece quando si sgonfiano poco a poco, se uno è bravo e vuole bene davvero, riesce anche a ricucire il sacchetto e con pazienza lo si può riempire di nuovo.

– Oltre ad averla spiegata per bene, direi che l’hai anche ampliata, la “Storia dei sacchettini di amore”. [Ne avevamo parlato anni fa QUI]

– Sì! Mamma, però il sacchetto con sopra il tuo nome non si sgonfierà e non scoppierà mai. Stai tranquilla.

[Mi godo l’attimo, sperando che l’adolescenza e la vita lascino il mio sacchetto al suo posto, nel suo cuore].

 

11 commenti » Lascia un commento

  1. che bello! …e sono stata contenta di essere tornata sul post precedente perché i girasole carnivori me li ero persi per la strada, invece meritano di essere ricordati 🙂

  2. Ho sempre letto il tuo blog in silenzio, ma davanti a cotanta meravigliosità non si può tacere. Hai una figlia fantastica, e si, prenditene pure il merito. 🙂

  3. La meraviglia… Stasera la racconto al mio piccolo ,spero di essere capace 😚

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: