Ultimo accesso alle ore 4.10 a.m.

Ti scrive su facebook.

In una selva di gente sgrammaticata, lei arriva dritta alla consecutio temporum del tuo cuore. Ed è subito puzza di sugo bruciato.

Lei è fantastica, intelligente e brillante. E per non farti mancare niente, pure bella.

Inizia il trip delle conversazioni sempre più ravvicinate, ancora e ancora. Finché non ti ritrovi risucchiata in una chat perenne con lei. Ormai è una droga. Vi rincorrete sul filo delle conversazioni digitali fino a confondere il piano reale con quello virtuale. Arrivi a desiderare di morire con le dita incollate alla tastiera.

Lei abita in un’altra città. Ma riuscite a fissare un appuntamento per vedervi. Vi trovate in albergo. Un abbraccio che libera l’anima e brucia la pelle. Vieni travolta dalla passione più potente che il tuo cuore sia in grado di reggere e la tua pelle frigge al contatto delle sue mani.

Passano i giorni. Le chat si susseguono senza mai interrompersi. Il giorno diventa notte. E la notte un calvario di distanza.

Fissi ancora un altro appuntamento. E poi un altro. Rubando il tempo da una scatola che non sapevi di possedere. Senti che è lei. Sì. È proprio lei. L’anima affine cui anela la tua. E il tuo corpo non ha dubbi. Brama il suo.

Ti consumi. Devasti la tua vita che, prima di lei, sembrava il giardino dell’Eden e inizi a ballare sui carboni ardenti fingendo di non sentire le piaghe.

Cristallizzi ogni istante proteggendolo con ragnatele di ricordi. Sei pronta a dare fuoco a tutto per lei. E lei per te.

E poi torna alla carica la sua ex.

s

15 commenti » Lascia un commento

  1. Avvincente quanto triste! Stupendo nella forma, nel tempo e nella sua tragicità dei sentimenti temporanei…
    Sai, per quanto possa non essere gradito un pensiero maschile in tal senso e consesso, devo dire che mi ha lasciato l’amaro in bocca quasi come il bambino che vive giorno per giorno nel passare davanti alla pasticceria e nel bramare una torta che, quando finalmente può mangiare, scopre che è già stata presa da altri acquirenti… e rimane con l’amaro, in tutti i sensi, in bocca…
    Capita spesso…. specie nelle amicizie, ancor più quelle che si crede, si sogna, si spera che siano le amicizia di una vita…. poi alla fine del ceppo che brucia restano solo le ceneri e nulla più aimè…. fortuna che c’è chi mantiene vivo il fuoco con altri ceppi, nella speranza siano quelli giusti…
    Un abbraccio sincero 🙂

  2. E che molti ex usmano(*) la felicità dei loro ex e non possono sopportarla, “come possono esser felici senza oh cazzo!” arrivano solo per frantumarla…

    (*) voce del verbo usmare=odorare

  3. D’istinto… così come mi arriva… non c’è niente che tu debba temere.

  4. Che hai fatto… ti sei ispirata a me? E posso dirti una cosa….. fa male. Malissimo. Al cuore, all’anima, alla testa, al corpo, alle mani…. fa male ovunque. Soprattutto se poi la Lei in questione nutre “profondo affetto” per la sua ex….. e tu stai li, durante i loro incontri per salutarsi, a fissare il telefono con gli occhi gonfi di lacrime sperando in un semplice “online”… perchè un online vuol dire che c’è….. che non è completamente immersa, testa e cuore, in questo …appuntamento ….. E non ho 15 anni purtroppo….ma 37.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: