Nuda veritas
24 Commenti

Dizionario per l’alfabetizzazione affettiva delle lesbiche

[Post brutto e cattivo, acido, inutilmente polemico e denso di pregiudizi e stereotipi. Astenersi bilios*]

Se anche tu sei lesbica,

Se anche tu ridi di un riso isterico quando ti dicono “Che bello stare con una donna, tra donne ci si capisce meglio”,

Se anche tu hai problemi di alfabetizzazione affettiva e nelle relazioni capisci fischi per fiaschi,

Sei nel post giusto. Questo piccolo, quanto inutile, dizionario fa al caso tuo.

A come ANAFFETTIVA

Non esiste il giusto mezzo e nelle relazioni lesbiche si rimbalza da un polo all’altro. Si può passare dalla fidanzata anaffettiva, che ti offre lo stesso calore di Olaf, alla fidanzata sanguisuga che non si stacca se non a salasso concluso.

B come BIPOLARE

Alzi la mano chi non ha avuto a che fare con la lesbica bipolare? Se l’hai alzata o stai barando o la lesbica bipolare sei tu. La lesbica bipolare è l’incubo di ogni relazione. Colei che il giorno prima ti ama e il giorno dopo ti disprezza, che un attimo ti cerca e l’attimo dopo ti respinge. Colei che Sì, che No. Che vaffanculo, insomma.

C come COMPULSIVA

La compulsione può esprimersi in diversi modi e spazia da quella per l’ordine, a quella per il sesso passando per la fissa di abbinare le mutande coi calzini financo al riporre i capi nell’armadio per gradazioni di colore.

D come DONNA

Dallo stilnovo, a Neruda, alla vastità del cazzo che me ne frega, la letteratura ha già espresso l’ineffabilità e la meravigliosa e meravigliabile meraviglia dell’argomento. Passiamo oltre.

E come EX

Dalla ex miglioreamicasorellaforevah che viene consultata più volte al giorno per motivi di dubbia importanza, alla ex nonancoranondeltuttomailosaràdavvero con cui si mantiene un cordone pseudo amoroso, alla ex stalkerinvidiosarosiconacherompeilcazzo che non perde occasione di manifestare livore, vittimismo e cagacazzismo a spruzzi.

F come FantastICA

Quanto ci piace la FantastICA opportunità di averci a che fare? (Voce volutamente criptica per non irritare la censura ecclesiastica).

G come (punto G)

L’umanità tutta s’interroga sull’esistenza e il posizionamento del punto G. Ragà, fateci pace. Il punto G è la Gola. La lesbica è soggetta – in quanto donna – a sbalzi di umore dipendenti dal peso e di peso dipendenti dall’umore. Se volete eccitarla sussurratele all’orecchio Pizza. (Voce autobiografica)

H come Hotel

La convivenza è un banco di prova fondamentale per ogni coppia lesbica, che in genere va a convivere al secondo appuntamento. Spesso il terzo appuntamento non ha luogo perché la coppia è scoppiata non avendo retto al ripetersi vicendevolmente Questa casa non è un albergo e tu sei una disordinata demmerda!.

I come IRRITABILE

Adesso basta con questa storia che noi donne siamo umorali e irritabili. Soprattutto è ingiusto che al minimo cenno di aggressività ci venga chiesto se abbiamo il ciclo. AVETE ROTTO IL CAZZO, PORCATROIA, OK?

L come LESBICA

Qualcun* non riesce a dirlo, manco fosse la peggiore delle parolacce. Poco musicale all’orecchio di alcun*, troppo politico all’orecchio di altr*. Le parole devono essere usate con cura ed essere appropriate. Una donna che ama una donna è lesbica. Punto. Se ama anche gli uomini è bisessuale. Se ha una sessualità fluida è pansessuale.

M come MANIPOLAZIONE

La lesbica affabulatrice che promette mari, monti di Venere, ricchi premi e cotillons, fedeltà ed eterno amore e poi ti scarnifica anche l’anima delli mortacci tua, facendoti credere ciò che vuole, è da temere quanto la bipolare.

N come NO

Capacità che è necessario sviluppare nelle relazioni. Non sempre tutte le situazioni sono accettabili. Dai triangoli, alle corna, alla mancanza di dialogo, all’intesa sessuale, alle mutande in giro per il salotto. Imparare a dire No, è salutare.

O come OSSIMORO

Bella e Fedele, Buona ed Equilibrata, Intelligente e Sensibile, Colta e Coccolona. A volte trovare queste qualità a coppie di due col resto di uno appare difficile, ma non impossibile. Almeno così narrano le antiche leggende.

P come PATURNIA

Se c’è un problema è possibile amplificarlo. Se non c’è può essere creato ad hoc. Tratto dal Terzo Assioma della Lesbica DOC.

Q come QUADRO (cosa sennò?!)

Il quadro rappresenta l’emblema della convivenza. Si può litigare ferocemente, in una coppia lesbica, per trovarne l’esatta e millimetrica collocazione. Spesso il quadro è causa di separazioni sofferte.

R come ROMANTICISMO

Siamo lesbiche, siamo donne, siamo romantiche. Ma la gara di rutti mentre beviamo birra e guardiamo le partite ci rappresenta nell’immaginario collettivo e ci piace mantenerlo.

S come SORTILEGIO

Due donne innamorate sono in grado di raggiungere picchi d’insulina che voi etero ve li sognate proprio. Rapite dall’estasi dell’ammore riusciamo ad essere anche peggio di quando improvvisiamo la gara di rutti.

T come TROIA (cavallo di)

Epiteto generalmente riservato alla ex della partner o alla partner della ex. Spesso a entrambe.

U come  UHM

Quando lei inizia una risposta in questo modo è consigliabile evacuare i locali il più velocemente possibile e non voltarsi. Ripeto: non voltarsi. Per nessun motivo.

V come VENDETTA

La vendetta è un piatto che va servito freddo, ma anche tiepido, bollente o tirato in faccia. L’importante è che il piatto sia stato acquistato all’Ikea al primo appuntamento della coppia.

Z come ZINNA

Basta con questa fobia che noi lesbiche abbiamo ereditato le pulsioni maschili. Noi le altre donne le guardiamo negli occhi, sempre. Ma mi chiedevo: non ti dà fastidio il ferretto?

lesbica

24 Commenti

  1. IL PINZA dice

    La gara di rutti la perdo puntualmente… anche le etero si fanno valere. P.s. quelle di loffe le vinco io… anche se è una bella lotta…

  2. Michela dice

    Veronica ti sei lasciata andare
    e questo lo dovevi annoverare sotto qualche letterina
    si perché secondo me la lesbica, quella felice di esserlo dentro,
    si lascia andare. A vivere. A godere. A parlare senza stringere i denti.
    A come abbraccio, che ti mando 🙂

  3. Michela dice

    E il mio “ti sei lasciata andare” era alla tua abilità scritto-creativa!!!!
    Si sa mai!!! 😉

Rispondi