Nuda veritas
37 Commenti

Alla fine è arrivata la fine. Ma è solo l’inizio.

C’è sempre un finale. Chiuso, aperto, sospeso, suggerito, voluto. Sono stati mesi estenuanti. La separazione, il trasloco, un lavoro nuovo e una nuova città. Due case: una a Milano e una a Lucca. La sensazione di essere sospesa tra due vite. I viaggi di notte. Il tempo rubato rosicchiato stropicciato, ma mai spalmato bene. I bambini stralunati dal cambiamento, io stralunata dal cambiamento. Persino il cane manifestava disagio.

E la distanza.

Troppa distanza, per i bambini senza mamma durante la settimana, quando le telefonate e skype non possono sostituire la favola della buonanotte e il bacio del buongiorno; richieste d’attenzione sempre più forti –mamma, papà non è bravo a farmi la codamamma, voglio te adesso, non tra due giorni – mamma, puoi venire a darmi un abbraccio che sono triste e mi viene da piangere?

Nessuna distanza, quando il fine settimana deve essere perfetto, senza una sbavatura, senza un inconveniente, senza un capriccio, né un bacio di meno, quando il tempo dev’essere tutto per loro, ma devi incastrare bucato, faccende, spesa, arretrati. Per non parlare degli amici. Messi in pausa così come i genitori i fratelli lo sport e gli hobby.

E alla fine è arrivata la fine. Quando Brita ha dimostrato con le azioni che non ce la faceva più. E allora ho deciso basta. A malincuore ho stracciato un contratto a tempo indeterminato in un posto che mi piaceva, con colleghi che mi piacevano e che hanno reso questi mesi meno pesanti.

Sono tornata a casa. Nella mia vecchia casa di Lucca che adesso sembra una comune colorata. Una casa in cui io e Manuela ci avvicendiamo con Giuseppe per stare con i bambini e insieme. Riprendo il fiato. Mi riprendo le favole della buonanotte e tutti i baci del buongiorno. Mi riprendo i fine settimana imperfetti, fatti di libri passeggiate film faccende amici capricci lacrime coccole.

Lascio la porta aperta per concludere i lavori lasciati in sospeso e penso a nuovi progetti che già iniziano a farsi strada. Con calma. Perché ho vissuto in un vortice da gennaio ad ora e sono stanca. Una stanchezza che mi ha risucchiato energia, creatività e leggerezza.

E mi riprendo il blog. Soprattutto questo, che ultimamente è stato messo in pausa. Ho tante cose da raccontare: il cambiamento, la mia nuova vita, riflessioni sull’amore, l’amicizia, i nuovi progetti e qualche sassolino da togliere. E la scrittura, che è così parte di me che si blocca quando mi si congela il cuore.

A presto, amici.

Grazie per avermi aspettata.

tornare a casa

 

 

37 Commenti

  1. Quanto ti capisco! Io sono dell’idea che ok il lavoro, ok la carriera, ok tutto, ma la vita è anche (e soprattutto) altrove (ragione per cui ho lasciato la ricerca, ma è un’altra storia).

  2. Letizia dice

    Ma ora stai a Lucca??? C’è un bellissimo gruppo lgbti che si chiama Luccaut, magari li conosci, ma se non li conosci…. Conoscili!! Domenica pomeriggio c’è love wins, ci saremo anche noi di Agedo…. Conoscici!!!! Auguroni e coraggio da chi ti segue da un po’ 😊

  3. ericagazzoldi dice

    Mi dispiace molto che tu abbia dovuto lasciare un lavoro con cui stavi bene… Ma spero, almeno, che la ritrovata serenità coi bambini ti compensi di questo. 🙂 A Lucca? L’ho visitata un paio di volte… Non sembra male, dal punto di vista urbanistico… Un po’ piccola e chiusa, forse…

  4. auguri per la tua nuova vita! se hai fatto questa scelta è senz’altro perché per te, per voi, adesso è la migliore, perciò, mi raccomando di viverla sempre così 🙂 consiglio da vecchia zia!

  5. Bentornata. Hai fatto bene a lasciare il lavoro… la soddisfazione professionale, vissuta in questo modo, ha un prezzo troppo alto. Avrai modo di riprovare più avanti, quando i tuoi figli saranno più indipendenti! Per ora va benissimo così, altrimenti era solo un supplizio per tutti :*

  6. angie dice

    Bentornata!!!
    E se la scelta fatta, ti dà serenità, allora hai fatto bene….
    un grosso abbraccio
    A.

  7. Buon nuovo inizio e brava per aver fatto una scelta coraggiosa.
    Noi siamo sempre qui in attesa dei tuoi post, per cui ben venga il maggior tempo che potrai dedicare!

  8. in effetti…bello il vaso di pandora..ma sapere di te ora è più bello!
    perchè mi sembra di conoscerti, perchè ti seguo..anche se so di non conoscerti, mi immagino la tua vita..
    e..solo io ho notato con stupore della tua nuova convivenza?
    wow!!
    ma come fai?
    mi sveli il segreto… ;0)
    io in ste cose…vado di pessimismo in pessimismo e sto sempre sotto un treno…….
    vai così!! W LUCCA!!

Rispondi