Nuda veritas
37 Commenti

Essere madre lesbica di un adolescente

Adolescenza: la più delicata delle transizioni.
(Victor Hugo)

A una domanda precisa la risposta è per lo più vaga e densa di approssimazione. Soprattutto se riguarda la sfera delle emozioni. Al “Cosa c’è?” chiesto quando lui dimostra malessere la risposta è sempre la stessa: “Niente”. Ovviamente è un niente denso come le nubi prima della tempesta, basta provare ad indagare quelle quattro, cinque, sei ore per capire che effettivamente qualcosa non va. Per arrivare al nocciolo del problema, tra perifrasi, metafore, silenzi e musi lunghi, servono sedute che vanno dalle sette alle otto ore.

Si passa dal wow a è tutta’ nammerda in uno (s)battito di porte. In genere l’incazzatura si smonta solo facendolo ridere e chiamando un falegname a sistemare i telai.

Qualsiasi programma viene rivisto e ribaltato N volte. Esempio di dialogo:

  • Andiamo al cinema, ti va?

  • Uhm. Ok. A vedere cosa?

  • Non so, cosa vorresti vedere?

  • E che ne so, proponi tu, no? Me lo hai chiesto tu

  • Ok (segue sospiro e elenco di almeno 3 titoli che possano essere di suo gradimento)

  • Non mi piace nessuno dei tre. Ma se a te fa piacere, vengo.

  • No, dai. Decidiamo insieme.

  • No, decidi tu. Tanto io preferivo stare a casa

  • Allora stiamo a casa, se non ti va

  • Che palle, stiamo sempre a casa

  • Allora usciamo

  • E dove andiamo?

  • Se il cinema non ti va, possiamo andare a prendere un gelato in centro

  • Che palle, il gelato adesso? Mica è estate e poi in centro… che palle

Al quarto che palle mi arrendo e mi allontano sbuffando a mia volta. Allora lui mi segue pentito e mi propone uno dei film che aveva scartato. Arriva abbozzando un sorrisetto obliquo e la lo sguardo di chi sa che l’ha menata troppo a lungo.

L’adolescente non si veste, si sottopone ad una vestizione che segue un cerimoniale lungo e complesso. Dopo ore a ravanare nell’armadio, l’adolescente esce dalla camera sbattendo la porta, imprecando che non ha niente da mettersi, che è brutto e che nessuno lo troverà fico. Se provate a rassicurarlo non vi crederà, perché voi siete di parte e lo guardate con gli occhi dell’ammore. Se lo assecondate è la fine, perché significa che nemmeno gli occhi dell’ammore lo vedono bello. Comunque, anche in questo caso, diventa necessario l’intervento del falegname. Io ho risolto con una tessera a punti fedeltà: ogni 5 interventi, uno è in omaggio.

Segue l’evento shopping, che in genere è la conseguenza della situazione di cui sopra. L’adolescente non sa cosa vuole, ma sa esattamente cosa NON vuole, cioè la totalità dei vestiti che gli proponete. Se esprime una preferenza è per un capo costoso (e pure tamarro).

La vostra abilità culinaria sarà un lontano ricordo. Qualsiasi piatto proponiate è troppo salutista o al contrario troppo grasso. Nemmeno la pasta al pomodoro rappresenta la via di fuga e il suo piatto preferito non lo sarà più.

A questo punto vi starete chiedendo il senso del titolo. Cosa c’entra il mio essere lesbica con l’avere un figlio adolescente.

A parte il fatto che con le donne incontro la stessa difficoltà di comunicazione che ho con mio figlio, niente.

E quando dico niente, è niente. Ok?

Che palle.

figlio adolescente e mamma lesbica

 

37 Commenti

  1. Daniele dice

    Mamma mia !!!!! Hai fotografato in pieno questo periodo con mio figlio !!!! 😂😂😂😂 quanta pazienza mi ci vuole !!!!

  2. Emanuela dice

    Non tornerai all’adolescenza dei miei figli x riavere tanti anni in meno! L’unica consolazione è che passa, lo giuro!
    Emanuela

  3. Laroby dice

    un incubo che stiamo vivendo! Fa bene sapere di non essere soli! Mal comune…

  4. Iris dice

    Sarà che mio figlio (9) e’ precoce, dimostra almeno al metà di questi atteggiamenti (ed io già sbuffo)… temo il peggio e … mi preparo (ma non sarò’ mai preparata abbastanza). Comunque, bell’articolo, come sempre 🙂

  5. Mary dice

    Anche i silenzi sono un modo per comunicare, a volte le parole sono troppe…o troppo poche…e il silenzio è il giusto compromesso!

  6. E ti lamenti tu, che hai un maschio? La mia ha 11 anni, non è ancora adolescente, sta finendo la 5 elementare, e già mi sfracassa i birilli che non ho, quando si tratta di dover decidere qualsiasi cosa… attendo *con trepidazione* il prossimo anno… sigh

  7. Anche la mia, anche la mia ha 11 anni e comincio a vedere chiari sintomi di adolescenza, con l’aggravante che l’essere femmina comporta… 🙁

  8. Quando i figli, dicono “niente”, vogliono dire tutto. Mio figlio non parlava, nemmeno sotto tortura, mia figlia non stava zitta nemmeno se le sparavi, ma tutti e due raggiungevano lo stesso obbiettivo, non farmi capire nulla di quello che succedeva. Ci si stà male, ci si sente impotenti e in colpa, ma è un periodo che dura poco, dopo non dicono più nemmeno niente, scuotono la testa e vanno via. Solo dopo degli anni, riuscirai a sapere qualcosa, di loro iniziativa ti racconteranno un fatto, e te colleghi a quel momento a quell’episodio, e dici: -ecco cos’era!-

  9. R.Hahn dice

    Tecnicamente è ancora un pre-adolescente: figurati come diventa dopo! Scherzo. Gli adolescenti sono adorabili, nella loro testardaggine orgogliosa mista a fragilità. Ti provocano e li spiaccicheresti contro il muro; ci si litiga tutto il santo giorno, eppure…. io li amo 😀

  10. laperfezionestanca dice

    Madonna santa, io bacio a terra che il mio unico e amatissimo nipote, di cui mi sento profondamente mamma, ha l’adolescenza felice. Solare, allegro, positivo, con un sacco di amici, affronta con trepidazione i primi amori. Contento di tutto, mangia tutto (anche troppo), cerca sempre di far felici i parenti. Unico punto nero dei suoi 15 anni sono i litigi con il padre, belli pesanti. Però direi che i ruoli sono invertiti nelle loro litigate. E se ha un problema, una sofferenza, una perplessità mi chiama per chiedermi consiglio, ci studiamo insieme e arriviamo a qualche soluzione.
    Devo dire che ogni tanto lo guardo perplessa, sarà normale?

  11. loris dice

    almeno a tuo figlio e’ una fase che in pochi anni passa… pensa che le donne c’hanno questa fase perpetua..

Rispondi