Nuda veritas
36 Commenti

Monologo di una matita

Scrivo per far scappare le frustrazioni. Per stendere del balsamo sui graffi che il tempo mi lascia addosso passando, come fossi un disco abraso da un giradischi poco cortese.

Scrivo per non sentire che la melodia è diventata un gracidio incessante di pensieri smangiucchiati e sputati alla rinfusa.

Scrivo perché l’angoscia dell’ignoto mi crea un vuoto allo stomaco, una vertigine che mi risucchia all’interno di me stessa, impedendomi di vedere la luce.

Scrivo perché le matasse aggrovigliate si dipanino tutte insieme e mi permettano di riprendere fiato.

Scrivo perché è una mano tesa alla me stessa che arranca, inciampa e a volte non ha la forza di rialzarsi.

Scrivo perché non ho certezze, ma solo una lunga lista di domande che mi arpionano la gola con i punti interrogativi.

Scrivo perché la memoria è un’amica bugiarda che cambia sembianza per compiacermi e le mie verità sono solo riflessi di specchi incrinati.

Scrivo perché anche il sorriso ha un prezzo.

E la macchinetta non dà il resto.

Monologo di una matita

36 Commenti

  1. Quoto. Ogni parola.
    Scrivo per non dimenticarmi di me stessa.
    Scrivo per ritrovarmi, anche se, ormai, mi sono definitivamente persa. In tutto.

  2. Adriano dice

    Non sono bravo con le parole, ma parafrasando un noto detto ti direi: “Scrivi che ti passa”, ovviamente con un sorriso abbracciandoti forte 🙂

    Vabbè dai, ho capito che in tasca dovrò mettere una doppia dose di caffè e un paranco da cantiere per aiutarti a risollevarti meglio 😛 😀

    :* <3

  3. IL PINZA dice

    La scrittura fa paura, metti nero su bianco pensieri che altrimenti si perderebbero come lacrime nella pioggia…… questa l’ho già sentita….. comunque a volte sarebbe meglio non ricordarli, dimenticare per sempre quei stati d’animo pesanti come il piombo.

  4. R.Hahn dice

    Finché uno dubita e si mette in discussione, c’è speranza…. non importa se i pensieri sono confusi: da tutto questo scaturirà una nuova chiarezza. (Oh lo dice Rilke!). Fai benissimo a scrivere! Un abbraccio 😀

  5. Daniela dice

    Lo faccio spesso anche io, per gli stessi motivi. Solo che a te viene infinitamente meglio

  6. Paola dice

    …. Good things, they don’t always come to you.
    Ho ripensato a questa canzone degli Skunk Anansie leggendoti.
    Te la dedico!

  7. mannaggia la passeretta, ti avevo scovata grazie all’intervista che avevi fatto ad Avvochetto 😀 e poi non son piu passata…! mo recupero un po di post… che per caso ti dispiace se ti ricopro di commenti???? porella, che fortuna oggi eh! tanto è sabato e manco mi leggerai!
    ecco, beh, ma secondo te, fare scarabocchi da lo stesso effetto dello scrivere????

Rispondi