Nuda veritas
32 Commenti

Amore non fa rima con orgoglio

Qualche giorno fa ho ricevuto una lezione di vita importante. E come spesso accade, mi è arrivata da chi, di vita, dovrebbe saperne meno di me: uno dei miei figli.

Ariele l’anno scorso si era fidanzato con una compagna di classe. E ho messo il termine in corsivo solo perché un fidanzamento a 12 anni si declina in maniera diversa da un punto di vista “tecnico”, ma non certo del sentimento, che spesso è molto più autentico e meno egoistico di quello di noi adulti.

Comunque, dicevo, lui in questa sua storia ci credeva davvero: frequentavano le rispettive case, andavano in bici, facevano i compiti insieme, avevano la foto su whataspp e si scambiavano messaggi puccettosi in stile teenagers. Qualche settimana fa mi ha chiesto anche di accompagnarlo a scegliere un regalino di Natale per lei.

Poi l’altra sera è entrato tutto mogio nello studio per dirmi che lei lo aveva lasciato, chiedendogli di rimanere solo amici.

  • Mamma, secondo me è perché sono troppo timido

  • Amore, ognuno ha il proprio carattere e la timidezza, in un mondo di buzzurri che pestano i piedi per essere visti, è persino un valore. O almeno, io la penso così. Ma hai provato a parlarle?

  • Sì, le ho anche chiesto scusa per tutte le volte che l’ho fatta stare male

  • Oddio, Ariele. Lo zerbinaggio no, però. Uno chiede scusa per le proprie responsabilità, mica per cose che non ha fatto. E poi, non è che quando due persone si lasciano c’è per forza una colpa, a volte accade che si vogliano cose diverse. Siamo persone, mica sassi.

  • Mamma, scusarsi non costa niente e io mica mi sono accollato la responsabilità di un omicidio, in fondo. Di sicuro avrò fatto, o non fatto, qualcosa che può averla ferita. No? Forse non l’ho fatta sentire importante. E lei, per me, è più importante che avere ragione. Comunque rispetto la sua scelta. Del resto, come dici tu, ognuno appartiene solo a se stesso e non è mai di proprietà degli altri. Poi è ganza pure come amica.

Mi consolo pensando che sulla teoria sono più brava che nella pratica.

amore e orgoglio

 

32 Commenti

  1. IL PINZA dice

    Lezioni di vita dai figli…… e mi sa che anche nella teoria sei un po’ traballante….. 🙂
    Mettere in pratica i buoni propositi nell’amore è difficilissimo, perdi la razionalità e commetti molti errori che ragionati a tavolino non commetteresti mai.
    A volte vorrei strapparmi il cuore….. fa troppo male.

  2. Quante cose sono (e sono state) rovinate dall’egoismo, sopratutto in amore 🙂

    E mi sa che tuo figlio non ha dato con questo esempio una lezione solo a te 😉

  3. IL PINZA dice

    Il mio problema è che non riuscirei a far sesso senza cuore….. mi tocca tenermelo…. 🙂

  4. Oddio, tuo figlio si è dimostrato più maturo della metà dei quarantenni che conosco… forse più della metà! :/

  5. Meraviglioso! Magari Matilde trovasse un “fidanzato” così. L’altro giorno mi ha confessato che non si fidanzerà mai con un ragazzino di seconda che le sta sempre appiccicato – perché mamma, scusa, parla sempre solo di sé, di quello che fa e di quello che ha e mi annoia terribilmente. Impressionano certe volte, ‘sti pargoletti!

  6. Questi non sono discorsi da adulti, perchè un adulto non riuscirebbe a mettere da parte l’orgoglio. Tuo figlio è un marziano!

  7. Ciao, seguo da un po’ di tempo il tuo blog (che trovo molto piacevole ed interessante), ma non ho mai commentato.
    I bambini sono formidabili, hanno una marcia in più perché sono più spontanei e meno interessati di noi adulti. Però, lasciatelo dire, se di certo sicuramente è una caratteristica propria di tuo figlio quella di essere così “saggio” e, perché no?, maturo e altruista, non si può negare che evidentemente l’ambiente in cui vive gli trasmette questi valori. Per cui, prenditi pure un po’ di merito anche tu. L’umiltà, assieme al senso del sacrificio, è uno dei valori che nella nostra società è andato perso. E, secondo il mio parere, è uno dei più belli e importanti.
    Complimenti a lui e complimenti a te! 😉

  8. Mariangela dice

    Ciao Veronica
    piacere di conoscerti, ti seguo da un po’ ma di solito leggo e rifletto in silenzio
    Oggi però non posso non lasciarti un segno del mio passaggio
    Complimenti davvero per la bella persona che hai messo al mondo, sarà carattere, sarà predisposizione ma, credimi, una buona parte è sicuramente merito tuo

    Buone feste
    Mariangela

  9. Veronica , io faccio il clown dottore di corsia nei reparti dei bambini , e ormai da anni ho trovato diverse e profonde similitudini tra i bambini e gli animali , nel mio caso i cani , perchè mi piacciono molto . La prima è che sono spontanei , allo stato puro , senza complicazioni di retropensieri o cosa comporta dire o fare una certa cosa , e poi amano e sono sinceri , sempre , senza secondi fini se non il riessere riamati e trattati alla stessa maniera , e tuo figlio oggi , e mio nipote tutti i giorni me lo confermano. Ciao e buona serata (bel blog , e questo almeno è merito tuo…) sergio

  10. Patrizia dice

    Concordo sul fatto, già espresso da altri, che se è venuto (sono venuti entrambi) su così bene, qualche merito, anche di riflesso, dovrai pur accettarlo!!
    Complimenti Ariele, davvero una bella lezione!

    Mi fate pensare a quante cose da adulti ci perdiamo…anche se, va detto, la capacità di avere tali sentimenti ed esprimerli con tanta onesta semplicità non è da tutti.

    Buone feste!

Rispondi