Nuda veritas
25 Commenti

Espressioni di disagio virtuale

Chi bazzica sul mondo dei social si sarà  reso conto che la rete pullula di un fottio di animaletti un po’ matti che manifesta disagio esistenziale esplicitandolo in chat. Ovviamente io non mi faccio mancare niente. Ecco il mio podio.

Il marpione seriale – detto anche “Il pasturatore indefesso”

Lui non sa chi tu sia. Ma non importa. Ha visto la tua foto profilo e se hai sembianze di donna lui ti manderà un messaggio da perfetto ruba cuori. Difficile resistere. Nessuna donna potrà sottrarsi al fascino di Morpheus. Che poi è Francesco. Che poi è un tipaccio napoletano. Che poi ti scrive dall’Abruzzo.

Aiutiamolo a fare pace con la geografia.

il marpione

Quello che cerca lesbiche non avendo chiaro il concetto di “target”

Si presenta per quello che è: un uomo. E cerca storie eccitanti da chat. E dove le cerca, il genio? Nei gruppi lesbici, che notoriamente brulicano di donne che non vedono l’ora di raccontare a lui cosa fanno sotto le lenzuola. Il poveretto spesso è vittima di un cattivo advertising, colleghi del marketing pensateci prima di produrre copy di pessima qualità.

Aiutiamolo a fare pace con la pubblicità e indirizziamolo verso il suo target: i piccioni verdesini della Papuasia.

L’uomo mascherato da donna

Questo si crede pure furbo. Si crea un profilo con una foto di donna rubata sul web e cerca lesbiche. L’obiettivo è lo stesso del genio al piano di sopra, con la differenza che questo ha accumulato più punti volpe e crede di farla franca. O di farsi la Franca. E per questo è pronto a tutto, persino ad affrontare l’alitosi. È un passionale: lui non flirta, lui chatta e limona forte, pure in presenza di gas mefitici.

Aiutiamolo a fare pace con Mentadent: non tutto ciò che vendono profuma l’alito e se continui così nemmeno la mummia di Ramses II limonerebbe con te.

Postilla

Ho 34 anni e vivo di corsa. Del tipo che la gazzella e il leone ogni mattina in Africa si svegliano per guardarmi ammirati e mi lasciano il caffè pagato al bar sull’angolo. La mia vita sessuale al momento è una via di mezzo tra “io speriamo che non mi addormento” e “sogno di una notte di sbronza”.  Il massimo del sogno erotico che riesco a concepire è una doccia di 20 minuti senza essere interrotta da qualcuno che deve fare la cacca e dormire la domenica mattina fino alle 8,27.

Fate pace con me. Fatevi curare.

25 Commenti

  1. Laura dice

    E’ successo anche a me: Un ragazzo mi ha vista all’università e mi ha aggiunta su fb. Dopo qualche giorno mi scrive un “ciao come va?”. Io non volevo rispondere ma la mia ragazza voleva scoprire cosa voleva quel tipo.
    Finalmente, dopo un po di messaggi del tipo “chefaicosastudiquantiannihaiqualèiltuocolorepreferito”, mi fa la fatidica domanda: “scusa se ti chiedo, ma tu sei lesbica o bisessuale?”.
    Dopo averlo rassicurato che sono lesbica e che il suo goffo corteggiamento non avrebbe avuto alcun effetto sulla sottoscritta, lui mi dice contento “sei la prima lesbica che conosco! :)”.

    Io me lo sono figurato che prende la sua lista delle cose da fare nella vita e spunta: ✔️CONOSCERE UNA LESBICA.

    Ho riso per 5 minuti e poi se n’è sentite quattro!

  2. Il dialogo “Cavoli” “No, patate” mi ha fatto ridere per un quarto d’ora come una bambina cretina delle medie. Anche se ammetto che il perculamento via aglio-gorogonzola non è affato male.
    Gente con grossi problemi pullula questo web…!

  3. Ma certe persone, non possono iscriversi a Badoo e tutti quei siti sul genere, e trovare altrove ciò che interessa loro? Mi mettono ansia 😀

  4. Sono morta!!!! Comunque questi sono quelli che “nonimportal’orientamentoamevabenetutto”. Ma i feticisti vi sono mai capitati???

  5. Il tuo post è spassoso da morire ma dà anche la misura di quanto certi uomini abbiano dei problemi.
    Nel loro immaginario malato vedono due donne come una storia a tre e non come “due donne che si amano e l’uomo che deve stare fuori dalle palle”.
    Sono gente limitata, una lobotomia magari aiuterebbe.

  6. L’uomo mascherato da donna, l’idea, io la trovo geniale, ma ritengo che bisogna saperla anche sostenere.. la parte.
    A me è capitato per email, già la prima era sospetta, ma sono stata al gioco, alla terza avevo già capito chi era, e l’ho congedato dicendoli:- salutami Anna.( che è sua moglie) e non mi ha più scritto.. 🙂

  7. Certo che pensavo…o come mai a noi gay non ci manda messaggi nessun curioso sul mondo omosessuale, mentre a voi lesbiche vi bersagliano uomini, donne, uomini che si fingono donne, donne che si fingono uomini, cani, gatti…insomma, son fortune eh! 😉
    PS: Non sai quanto invidio le tue conversazioni con questi bischeri…il “Tipaccio Napoletano” mi ha piegato in due! =)

Rispondi