Senza categoria
24 Commenti

Effettivamente un altro maschio in casa c’è: Botolo

Giusto ieri, l’amica Laura mi ha fatto notare che per completezza d’informazione dovrei raccontare che in realtà Ariele non è l’unico maschio di casa.

Effettivamente, dalle varie saghe familiari con le quali vi ammorbo da più di un anno, manca proprio lui: Botolo.

Botolo, che in realtà è un nome d’arte perché lui si chiama Pai Pai, è il cane di Nina. Un rotolone regina di ciccietta e pelo che sembra un Beagle gonfiato col compressore. Botolo ha 9 anni e fino al trasferimento ha vissuto protetto nel recinto di casa sua. Un carattere schivo e pigro, amava trascorrere le sue giornate sdraiato sul fianco sinistro finché le lunghe elucubrazioni sulla condizione canina nel terzo millennio non lo portavano a girarsi sul fianco destro. Tendenzialmente apatico, si approcciava alla ciotola con la superbia tipica delle classi aristocratiche che del cibo fanno più un vezzo, che una fisiologica necessità.

abbiamo anche il cane

Il trasloco ha sconvolto i suoi piani poco inclinati, portandolo a vivere rocambolesche avventure che prevedono, addirittura, 20 minuti di camminata a passo svelto – sciogli panza a cui lo sottopongo quasi ogni mattina a suo (e mio) beneficio. Per essere un cane da salotto, Botolo dimostra molto impegno e buona volontà. Saluta gioioso gli altri cagnetti che incontra, così, alla maniera dei cani – annusandosi il di dietro [che mi è sempre sembrato un approccio un po’ troppo umorale per presentarsi ad un proprio simile, sebbene possa affermare di aver stretto mani abbastanza ripugnanti]. Comunque, dicevo. Botolo è anche l’occasione, per me, di venire a contatto con il mio vicinato.

Abitiamo ai margini di un paesino, tra la campagna ed il bosco, popolato di persone che han già contato diverse primavere e passeggiando con Botolo, ho scoperto che l’animaletto al guinzaglio attira sia i bambini che le nonnine. Anzi. Soprattutto le nonnine, che ne approfittano per farmi il terzo grado.

Nonnina – Buongiorno, che bel cane! Come si chiama? È una femminuccia?

Io – No, è un maschio sterilizzato. Si chiama Bot…Pai Pai, si chiama Pai Pai

Nonnina – Ah, bellinA! Sembra la cagnetta che avevo io – poi è morta – si chiamava Lola. Allora questa la chiamo Lola, pure lei

Io [??!?!]

Nonnina – E lei abita qui? Ma non è di qui! No, perché non l’ho mai vista… Di chi è moglie?

Io – No, non sono di qui. Ci siamo trasferiti da poco. No, vede iooo… No, non sono sposata. Cioè ero sposata, ora sono separata e mi sono riaccompagnata

Nonnina – Ahhh.. [faccia delusa]

Io – Bene, allora noi andiamo… [sperando di non subire altre domande]

Nonnina – Ma il su’ marito che fa? E c’avete de’figlioli?

Io – Signora non ce l’ho più un marito e non sono sposata. Ho una compagnA, che ha una figliA e due figli miei

Nonnina – Ah, va bene. Allora vado che mi si brucia il sugo. Allora ciao Lola [guarda Botolo] e arrivederci a lei!

Io guardo Botolo. Botolo guarda me. E sono sicura che stiamo pensando la stessa cosa: la nonnina ha problemi di vocali.

botolo

 

24 Commenti

  1. Anche la mia veniva chiamata botolina, ma adesso l’abbiamo messa a dieta….porella….
    Quante volte te lo devo dire che le scarpe te le devi far allacciare dai tuoi figlioli! Guarda che lacci molli e lunghi, rischi d’inciampare e farti male!

  2. Beh, forse non ha ben compreso il fatto che tu abbia una compagna, pero’ forse voleva avviare Botolo/Pai Pai sulla via del transgender!

  3. Comunque fanno bene i cani, ad annusarsi il sedere. Così, se incontrano uno che ha faccia come il c*lo, se ne accorgono subito. Noi umani, invece, a volte ci si mette anni prima di rendersene conto… saggi cani!

  4. ElleBi dice

    forse la nonnina ha pensato che avessi tu dei problemi di vocali dicendo compagnA 😀

  5. no, cioè volevo commentare tua figlia che dice “facciamo brei stormy” ma non essendo iscritta a instagram non mi fa commentare e allora te lo dico qui: ma che figlia spettacolare hai???!! ahahah!!! troppo spettacolo! la vorrei avere a scuola! ahah!

  6. R.Hahn dice

    Ma, a parte la nonnina, non avete problemi a vivere come coppia di donne in un piccolo paese? Perché nella mia esperienza è peggio…. rispetto ai grandi centri.

  7. Ah ah ah, simpatica la nonnina dalla comprensione intermittente 🙂 Pai pai è un nome bellissimo!!! Ma capisco perché lo chismate Botolo. Io ho Pillo, detto Topo per le sue dimensioni e Polly, detta topa isterica per la sua indole non proprio rilassata! Proprio ieri ho scoperto che la musica può avere effetti tranquillanti sui cani, sui miei almeno… con Botolo mi sa che non serve, na, se vuoi, ne ho scritto sulmio blog 🙂

Rispondi