Nuda veritas
30 Commenti

Sono spompata dall’idiozia

Sono stanca. Sarà l’autunno che m’invoglia a dormire più di un ghiro, sarà il mio cuoricino aritmico che ogni tanto va per i fatti suoi, sarà la fatica di dover gestire lavoro, casa, commissioni, impegni con tre bimbi pieni di vitalità.

Sarà quel che sarà (citazione di una certa cultura – concedetemela), fatto è che sono proprio spompata. Mi perdo nei miei pensieri e mi metto ad inseguirli come fa il gatto con il pulviscolo. Ne riemergo affaticata e persa.

L’altro ieri ho anche dimenticato una pentola sul fuoco. Quando me ne sono ricordata, assomigliava decisamente al paiolo delle streghe e per poco non ho incendiato la casa.

La mia mania di tenere tutto sotto controllo a volte ritorna e mi lascia senza fiato e priva di energie. Alla ricerca della ricetta magica per gestire tutto al meglio, a volte dimentico di respirare.

Per fortuna ci sono i bimbi e il bosco a riportarmi alla realtà. Anche la stanchezza di dover spiegare l’ovvio mi esaurisce.

Chi mi segue su facebook sa di una penosa discussione con un’omofoba che, a chiusura di discorso, mi ha persino minacciata ed augurato di contrarre l’ebola.

Sono stanca e spompata. Ma andrò avanti. Nonostante chi, con affetto e senso di protezione, mi consiglia di tacere e di lasciar perdere.

Mi spiace, non è nella mia natura omettere i soprusi. E finché in questo Paese, non ci saranno gli stessi diritti per tutti, continuerò la mia battaglia.

Spompata, sì. Zitta, mai.

spompata

 

30 Commenti

  1. Capitano i periodi un po’ così…per fortuna poi passano! 🙂
    Ho seguito la vicenda su Facebook e devo dire che capisco bene il tuo atteggiamento. Io, anche quando la manifesta cattiveria e/o maleducazione di alcune persone mi dovrebbero invogliare a lasciar perdere, non riesco lo stesso a stare zitta e a non far presente il mio punto di vista. So che spesso equivale a sprecar fiato, ma se qualcosa per me è ingiusto non riesco a fregarmene e andare oltre. Immagino che nel caso specifico, essendo qualcosa che riguarda da vicino la tua vita e la tua famiglia, la necessità di farsi sentire sia ancora più impellente. Un abbraccio a te e alla tua bella famiglia, che ho visto nel video. 🙂

  2. La mamma degli idioti è sempre incinta, si sa. E ce ne sono tanti e di tante specie e sottospecie, mica solo gli omofobi. L’unica soluzione che abbiamo è… non esserlo noi. La cultura, la tolleranza, l’intelligenza, l’apertura mentale battono per distacco l’idiozia. Ma non la eliminano. Esisterà sempre. E la batteremo sempre

  3. Sono il principe degli spompati, il re dei ghiri, nato perennemente stanco. Ma chi ce lo fa fare? Tanto l’ebola ci ammazzerà tutti……… Rimango steso sul divano ad aspettare.

  4. ElleBi dice

    devi andare avanti! come faremmo senza le tue pazzesche avventure raccontate su questo blog? Anche io sono stanca in questo periodo, ma ti seguo perchè mi fai sempre ridere e spesso riflettere. Continua cosi

  5. ericagazzoldi dice

    A gente come l’omofoba di cui sopra, c’è solo da rispondere: “Benedizione per benedizione”. 😉 Chi ha orecchie per intendere, intenda. 😉

  6. E’ che ultimamente mi trascino pure io se no proverei anche a suggerirti un qualche rimedio. Credo che si possa dettare una legge per cui tanto più uno è idiota quante più energie risucchierà in un essere dotato di intelletto. Tocca farcene una ragione Veronica. Notte…

  7. ti seguo, eccome! ma la discussione me la sono persa. Ora vado a vedere… Tieni duro! spompata sì, zitta MAI! ti prego, non tu!!!! 🙂

Rispondi