Nuda veritas
50 Commenti

Sopravviverò anche a questo trasloco?! 2 mamme e 1 delirio

Io – che all’ultimo trasloco (il numero 3 ) ho squartato lo scatolone superstite al grido di “Non mi avrete mai più. Se mai dovessi ricambiare casa, brucio tutti i miei beni e vado a vivere in tenda” – mi ritrovo alle prese con il trasloco numero 4.

Ed è solo l’inizio. Temo che di post con la narrazione dei nostri drammi ne seguiranno altri. Ma lasciate che io vi delizi con un tratteggio un po’ più nitido sulla nostra situazione attuale.

È giugno. E le scuole sono chiuse. Il che vuol dire che i nostri tre figli zompettano per casa dalle 6 del mattino alle 9 di sera (e poi spiegatemi, per favore, per quale motivo dovrei considerare una benedizione l’ora legale). Per lo meno in inverno alle 19 li posso convincere che è ora di andare a dormire perché è buio.

La nostra canzone dell’estate è formata da vari mantra che variano nel contenuto ma iniziano tutti con “Mammaaaaa” e si susseguono e si accavallano a ritmi martellanti.

Le zanzare imperversano felici. Credo che nel mio giardino, oltre alle tigri, ci siano anche delle zanzare drago, delle zanzare vampiro e delle zanzare stronze. Perché, dopo la quinta puntura per cm di pelle, non è sopravvivenza. È cattiveria gratuita.

I vicini di casa hanno ufficialmente inaugurato la stagione del  barbeque sotto la finestra di camera mia. Ora ho una sfilza di mutande gusto speck igp dell’Alto Adige e un manipolo di calzini all’aroma di salsiccia di Cinta Senese. Quasi quasi ci abbino un bicchiere di Chianti, prima di indossarli.

Fuori fa talmente caldo che le balle di fieno roteanti si sono incendiate (beh, si sarebbero incendiate se ci fossero state) e i gechi che camminano sulle  pareti hanno chiesto un isolamento termico per le loro zampette.

Quale periodo migliore, quindi, per affrontare un trasloco?!

trasloco

I lavori di casa non sono finiti e noi ci ritroviamo strippati in 5, con pile di scatoloni ovunque. Ieri ci siamo anche persi la Brita che non riusciva più a trovare la strada per arrivare in cucina. Le abbiamo lanciato un panino attraverso un varco creatosi tra il divano e la libreria.

Pertanto, lancio un appello: “Chiunque volesse contribuire all’acquisto di un collare munito di gps da applicare ai 3 mostrini, è pregato di comunicarcelo, grazie.”

In cambio offriamo il solito caffè. Sempre che si riesca a trovare la macchinetta della moka.

 

 

 

 

50 Commenti

  1. uuuhhh… traslochi… dopo la separazione ne ho fatti 8 in due anni. ora sono ferma da due anni e mezzo, quasi mi annoio. posso venire ad aiutare voi?! ;D

  2. Mi dispiace tanto. I traslochi sono punizioni divine, tantriche o di quel coso che tu potrai credere. E come tutte le punizioni te la sarai anche un po’ meritata. Pentiti e sarai libera! Ma che cavolo di casse delle stereo avete? La sera organizzate concerti rock? 🙂

  3. Fai tu che se le cose vanno come spero, fra due mesi al massimo mi tocca il quarto trasloco. Quarto da quando sono in Francia, ergo in quattro anni. Forza e coraggio e in bocca al lupo per i cartoni! 🙂

  4. ericagazzoldi dice

    “Ora ho una sfilza di mutande gusto speck igp dell’Alto Adige e un manipolo di calzini all’aroma di salsiccia di Cinta Senese. Quasi quasi ci abbino un bicchiere di Chianti, prima di indossarli.” Beh, sarebbe un’idea… 😉 Oppure, come risarcimento, potresti farti invitare a pranzo dai vicini, che sono tanto buongustai… 😉

  5. Che dire.. un’abbraccio! solo a vedere quella foto mi ha fatto venire l’angoscia.. Io ne ho fatti solo tre, ma mi sono bastati per tutta la vita.. Ad ogni trasloco si perde sempre qualcosa e si trova sempre un qualcos’altro che pensavi di aver perso. In più ti fanno capire gli errori della vita.. perchè studiare il pianoforte, era meglio l’ottavino o il triangolo.

  6. ElleBi dice

    Io odio i traslochi, per fortuna in vita mia non ne ho fatti molti, ma quei pochi mi sono bastati. Il piu epico è stato svuotare in un mese la casa dei miei, abitata per 37 anni e piena come un uovo, letteralmente. Aggiungi che siamo una famiglia di collezionisti (tanto che nemmeno i traslochi servono per liberarsi delle cose inutili) che dovevamo far entrare tutto in una casa già arredata e puoi avere un quadro della situazione. Santi sono stati quattro amici che si sono deidicati anima e corpo ad aiutarmi.
    Per il momento, da quando mi sono trasferita a casa del mio compagno ho lasciato il mio vecchio appartamento praticamente intatto, ma so che arriverà il giorno in cui dovro svuotarlo, per non andare in bancarotta.

  7. ElleBi dice

    All’epoca erano neolaureati e disoccupati, oggi, a 5 anni di distanza, per fortuna hanno un lavoro

  8. pierangelo dice

    dai che ci siamo quasi!!!!!!
    (non mi far sentire in colpa ti pregoooo!!!)

  9. pierangelo dice

    domani vieni a controllare i lavori:
    siamo al momento di pigmentare le pareti con i colori scelti direttamente dall’iride
    dell’arcobaleno!!!!

  10. Marta dice

    Coraggio. Leggevo che è scientificamente provato che un trasloco è uno dei 5 stress peggiori che possa capitare nella vita coniugale.

    Faccio il tifo per voi.

      • Marta dice

        😀

        Ho appena guardato le associazioni che sfileranno al Pride di Londra. Ci sono le “Madri lesbiche di Londra sud” – non me le invento, ammesso che anche con la più fervida fantasia si possa inventare una cosa del genere.

        Vi ho pensato, ovviamente.

        Nota culturale: Londra ha una rivalità nord del fiume / sud del fiume da tempo immemore, a quanto ho capito. Il sud è tradizionalmente più (come dire?) ruspante; ma al momento sta diventando sempre più di moda (bene, visto che ci abbiamo comprato casa).

        Nota culturale/2: la sigla migliore del Pride resta sempre quella del gruppo dei sub: Gay and Lesbian Underwater Group = GLUG.

  11. pierangelo dice

    no no nooooo, io ti comprendo sono gli altri che non capiscono…….. a parte Nina

  12. Se convinci il mio capo vengo ad aiutarvi a impacchettare. Le mie referenze? Cambio residenza in media ogni 4,3 anni, e nel computo non sono compresi i vari traslochi in periodo università (a parte i tre appartamenti al primo e all’ultimo anno, quando stavo in casa dello studente ogni luglio bisognava svuotare la stanza completamente, e ogni settembre ritornarci… e visto che ci vivevo per gran parte dell’anno, e per il resto mi sparavo 450 km in treno, di roba ce n’era parecchia). L’ultimo trasloco ho impacchettato il 90% della roba in un giorno, mentre il mio compagno e i suoi aiutanti smontavano e portavano via i mobili. Da sola. Mia figlia non ha ancora compiuto 5 anni ed è alla quarta casa.
    Quando un vicino ci ha consigliato di comprare casa dove la sta comprando lui (e quindi traslocare di nuovo) lo abbiamo guardato come fosse Satana in persona venuto a tormentarci…

  13. FRANZ dice

    Sono andata a convivere un anno e mezzo fa, e ancora c’è roba a casa dei miei genitori… il mio compagno scherzando dice “se un giorno vorrò lasciarti, dovrò darti un preavviso di almeno due mesi per portare via la tua roba!”
    (non vorrei si pensasse male: la casa è effettivamente solo sua)

  14. Lisa dice

    L’anno scorso io e la mia compagna ne abbiamo fatti due in un mese..e uno solo un anno prima!!!
    capisco benissimo lo stato mentale in cui “versate”…. :DD

Rispondi