Nuda veritas
37 Commenti

La gaia famiglia al parco

Abbiamo una vita noiosa e monotona, fatta di bucato da raccogliere, figli da accompagnare a scuola – in piscina – a pallaqualcosa – alle feste di compleanno.

Abbiamo un aspetto ordinario di persone qualunque, vestiti ed acconciature usuali. I nostri figli prendono l’influenza, si scaccolano e producono montagne di pupù, si sbucciano le ginocchia, passano dal riso – al pianto – al riso in lassi di tempo brevissimo.

Abbiamo una vita di coppia banale, fatte di cene romantiche, di colazioni caotiche, incomprensioni, riappacificazioni, faccende di case e pulizia del giardino.

Eppure i nostri nani  [come succede a me e a Nina, del resto] sono spesso costretti a “spiegare” la situazione.

Due donne che si amano, con figli che hanno padri biologici e pure si sentono una “grande famiglia” – un quadretto che suscita sempre molte domande.

Neppure al parco c’è tregua.

– Qual’è la tua mamma?

– Quella coi capelli rossi

– E lei è tua sorella?

– No, cioè sì…cioè una specie

– E la signora coi capelli neri è tua zia?

– Noooo, è la fidanzata della mia mamma – quella coi capelli rossi – e lei è la figlia della fidanzata della mia mamma

– Ma il papà non ce l’hai?

– Si, ce l’ho il papà, si chiama Giuseppe. Ma vuoi giocare con me o farmi un interrogatorio?!

E per tutta risposta siamo tornati a casa con questo trofeo…

37 Commenti

  1. Consolati, le facce che raccogliamo quando salta fuori che il mio compagno non è il padre di mia figlia dicono che anche per le famiglie ricostruite etero la vita non è facile. Lei per fortuna spiega fin dall’inizio come stanno le cose, senza esserne richiesta e con dovizia di particolari, così non c’è spazio per ambiguità 🙂

      • Se no se vuoi ti doto direttamente di mia figlia, che parte in automatico a ogni nuova conoscenza.
        “Sai, quello non è il mio papà, è il fidanzato della mamma. Il papà abita da un’altra parte, ma lui e la mamma non andavano d’accordo”.
        In genere l’ascoltatore rivolge su di me uno sguardo fra il vitreo e l’interrogativo e io trattengo la voglia di strozzare mia figlia e cerco di sdrammatizzare con una battuta.

        • Si, sono fantastici. Anche Margherita (Ita,la figlia di Nina) solitamente parte in tromba con proclama 😀 In situazioni assolutamente inutili, tipo dal parrucchiere, dal fornaio…

    • FRANZ dice

      E’ così anche per me. Tra l’altro il mio compagno e mia figlia per non so quale ragione si assomigliano pure, ed entrambi ogni volta “no, non è mio babbo” “veramente non sono il padre, io non ho figli”, ma dopo qualche anno abbiamo iniziato tutti a sorridere e basta.

  2. francesca filippelli dice

    la gente fa domande comunque, anche se hai i capelli piu lunghi o rasati. se sei piu dimagrita o piu ingrassata…

    ‘pallaqualcosa’…’si scaccolano’… fantastico!! =D <3 <3

  3. Ah, ma figurati, subisce lo stesso interrogatorio mia figlia, che è “solo” figlia di genitori separati!
    Quando si stanca di ripetere sempre le stesse cose, mi guarda e mi dice: mamma spiegaglielo tu, che io vado a giocare. E mi molla lì con il/la curiosona di turno :/

  4. E pure vero che se uno vede due donne al parco con dei bambini non pensano subito che siamo due donne che si amano, certo se si baciano o camminano mano nella mano si.

  5. a me di recente han chiesto “come stanno i tuoi figli?”, e io: “stanno bene ma non sono miei”. è calato il silenzio. ma è vero, non sono miei!, sono del mio moroso e della sua ex.moglie. il dubbio è: da dove mi sarebbe spuntato un figlio di venti anni se non mi hai mai vista in giro con lo stesso figlio a 19, 18,…, 2, 1 anno?!

  6. pierangelo dice

    pierangelo:ciao Veronica non c’entra niente con questa tematica pero’ “FIGA DI PONGO OMOFOBA” mi ha fatto impazzire!!!!(avevo la scena davanti agli occhi conoscendoti)
    comunque mi sarei aspettato una rissa!!!!!!SCHERZOOOOOOO

  7. pierangelo dice

    ma và,non ci credo:sei una persona cosi’ dolce(credo?!?)
    comunque oggi hai mancato il sopralluogo al cantiere……..me lo segno!!!!!
    (i colori delle pareti sono stati tutti cambiati sotto il dickat della Giongo -Bene)

  8. ElleBi dice

    Confermo, succede sempre anche alle famiglie “etero”.
    Di solito noi, oltre a dover specificare chi è figlio di chi, dobbiamo anche spiegare perchè io parlo in italiano con mia figlia, suo padre le parla in francese, io e lui parliamo inglese tra noi e io parlo un francese maccheronico con gli altri due suoi figli, ma questa è un’altra storia.
    Sono d’accordo sui volantini esplicativi ,ottima idea!

  9. alessiox1 dice

    ma io sono sempre curioso di vedere la gaia famiglia al matrimonio della figlia o del figlio (non parlo della tua ma in generale)

Rispondi