Nuda veritas
67 Commenti

Figa di pongo omofoba

Si avvicina preceduta da una nuvola di profumo che sterminerebbe d’un sol colpo tutta la colonia di formichine che risiede in casa mia.

Avanza con passo deciso, oscillando le anche tanto da perturbare il buon Foucault e il pendolo (e non pensate subito male).

Ha trucco & parrucco perfetto nonostante siano le 7, 30 di mattina. Biondissima, truccatissima, a-a-bbronzatissima ad aprile – che evidentemente fa solo a me l’effetto dolce dormire. Tant’è che mi domando a quale fuso orario improbabile avrà messo la sveglia per essere così figa a quest’ora.

Vestita di tutto punto, firmata  come un registro presenze dall’alluce al polluce, si appollaia sinuosa sullo sgabello del bancone del bar e ordina una brioche integrale con cappuccino – tiepido- senza schiuma – in tazza grande. Fingendo di non notare gli occhietti cispio – ammirosi che le si sono appiccicati addosso come fossero di velcro.

Intanto io cerco di far finire i cornetti ai nani e faccio le montagnole di schiuma nel mio cappuccino – normale – nella tazza che ti pare. Eh, già. Perché il mercoledì io e i nani abbiamo istituito la colazione al bar, come gratificazione per festeggiare il traguardo della metà settimana.

Affabile come un gatto in ammmore, si mette a chiacchierare con quello che evidentemente è un suo caro amico.

Che peccato che non c’eri ieri sera in palestra! Oddio guarda! È venuta una tipa nuova. Allora: capello corto, tuta larghissima e t-shirt da uomo. E come se non si vedesse che era una lesbicona, all’uscita c’era pure una ragazza ad aspettarla. Questa qui almeno era carina! Che imbarazzo! Cioè io vado lì e ci trovo questa. Magari mi guardava il culo mentre facevo gli esercizi! Ma ci pensi?! Per fortuna nello spogliatoio sono andata dopo di lei. Secondo me se le è guardate tutte per benino le ragazze che c’erano. Che schifo. Ma perché non fanno delle palestre apposta per quelle così?

Per poco non mi strozzo col cappuccino. Ero indecisa se ucciderla soffocandola col cornetto o mettermi a discutere, quando accanto a me si è alzato un signore e si è avvicinato al bancone.

Mi scusi, signorina, ma non ho potuto fare a meno di ascoltare la conversazione. Ha proprio ragione, certe persone non dovrebbero frequentare i locali pubblici. È davvero una vergogna quello che è successo.

Ovviamente mi riferisco a Lei, non alla ragazza lesbica. Sono le persone come Lei che sono la vergogna di un Paese civile. Lei, con le sue idee del 1200 e il suo cervello ottuso. Dovrebbe chiudersi in casa e non uscire mai più.

Detto ciò, ha pagato, salutato ed è uscito. Figa di pongo, rossa come un peperone andato a male, ha guardato interdetta il suo amico. Io ridevo sotto i baffi lasciati dal cappuccino. La barista inebetita, con le mani nel lavello.

L’anonimo signore non lo sa, ma mi ha rallegrato la giornata.

Figa di pongo omofoba, ovunque tu sia, ti auguro che ti si spezzino le unghie finte e ti cadano nel Mojito e che ti vengano le doppie punte perfino alle sopracciglia.

Tiè.

2014-04-09

67 Commenti

  1. Dan dice

    Immagina quanto sarebbe stato bello che il resto del bar (gremito ovviamente) si fosse sciolto in una standing ovation, tanto clamorosa da sgonfiare le protesi delle tette alla figa di pongo omofoba!
    E vai, buona giornata!!

  2. ah!!! Che signore figo!!!! Ce ne fosse di più di gente che dice le cose come stanno e tappa bocche che non dovrebbero parlare se non per chiedere scusa di essere collegate ad un cervello così piccolo!!!………istituirò anche io con i miei nani qualcosa per festeggiare il traguardo di metà settimana e lo farò in onore del signore che hai incontrato!!!!!!!…detto tra noi: che orribili le donne così!

  3. C’è ancora speranza per questo pianeta, allora (parlo dell’interlocutore, eh, non della figa di pongo, probabilmente culo-centrica, se pensava che il suo deterano attraesse sguardi a 360° come un magnete).
    In compenso io una cosi’ ce l’ho tutti i giorni in ufficio. L’omidio potrebbe passare per legittima difesa?

  4. Simo dice

    Purtroppo ci sono ancora persone così in giro (la bionda egocentrica “so troppo bella mi vogliono tutti e tutte”)… e per fortuna anche persone intelligenti come il signore che l’ha messa a posto. 🙂

  5. Quella deve solo ringraziare Iddio che può passare la sua vita in palestra. Oppure no, forse un po’ di olio di gomito la renderebbe più umana.

  6. ElleBi dice

    standing ovation per l’anonimo signore. Io comunque la bionda l’avrei strozzata, giusto per soddisfazione personale… oppure potevi darle una bella palpata al culo uscendo dal bar, anche se probabilmente ce l’ha di plastica

  7. speakermuto dice

    Complimenti anche all’autrice del pezzo per l’introduzione che contrappone il desiderio della pongo (dissimulato? ipocrita?) di essere guardata dagli uomini e poi lo stupore sdegnato (ma fammi il piacere) al pensiero di essere ammirata da una donna :^)

  8. Ahahahah!!! Me l’hai rallegrata anche a me!!! Che bella idea la colazione al bar, peccato solo che siamo una famiglia di dormiglioni e quei 20 minuti di sveglia anticipata fanno la differenza.

  9. Quindi secondo la FDP le palestre per “quelle così” sono un’ammucchiata eterna? D’altronde, con “quelle così” che passano il tempo a guardarsi il culo a vicenda e ad elaborare pensieri zozzi negli spogliatoi continuamente…
    Ci sono donne di cui si dice che non ne prendono abbastanza, questa mi sa che ne prende troppo.
    92 minuti di applausi per l’anonimo Signore. Sì, con la maiuscola.

  10. Oh ma che meraviglia, anche io avrei fatto come il tizio, avrei mortificato la tipa e con quanta soddisfazione!!! 😀

  11. applaudo!!! clap clap, cara figa di pongo io in palestra vado vestita come una presunta lesbicona e ne e mi piaccio cosi’ ahahah! dio dovevi filmarlaaaaaaaaaaaa

  12. francesca filippelli dice

    ” Fama di loro il mondo esser non lassa;
    misericordia e giustizia li sdegna:
    non ragioniam di lor, ma guarda e passa.”

    Le lady didò sono sempre quelle più tristi e sole!
    Vero’ ricordati che sei mamma e i nani hanno bisogno di te!! =D 😉

  13. Però, andrebbe anche ricordato a queste persone, che le lesbiche o i gay, hanno una vita sessuale, normale come tutti, e i predatori in genere sono eterosessuali.. lo so sono paternalista come dice mia figlia, ma mi dispiace che muoiano nell’ignoranza..
    A proposito di ignoranza, vorrei sapere come si riconosce una “lesbicona”? Io lo ignoro.. e una lesbichina?

  14. charlie68g dice

    ce ne vorrebbero sempre di più di persone così

    intendo come il signore ovviamente 🙂

  15. quando ho iniziato a leggere l’articolo pensavo che il commento venisse dai figli!!!
    Mi ero già creata un film mentale dei tre “giving a piece of their mind” (offrendo spunti dalla loro testa) a questa qua.

  16. Marta dice

    La. Ola. Modello. Krakatoa.

    Totale.

    Perché è il senso di impunità dei bigotti e degli oppressori che va distrutto. Il resto verrà da sé.

  17. ma allora esistono ancora le persone giuste e coraggiose che si battono per gli altri e non guardano solo nel loro piatto! che bello! 🙂

  18. alessiox1 dice

    ma allora se una persona uomo o donna che sia , sia bisessuale come la mettiamo?

  19. per me la storia del signore che si è alzato a difendere i deboli e gli oppressi è una cazzata immensa,messa per dare un lieto fine dove non vi è e non vi sarà.

Rispondi