La bellezza è…sempre molto relativa

Ci sono combinazioni di suoni che l’orecchio mammesco non riesce ad ignorare. Onde sonore che scatenano un panico primitivo direttamente nella ghiandola pineale:

il rumore di un tonfo sordo – attimo di silenzio – urla di disperazione

E nonostante la febbre quasi a 40°, che mi permetteva giusto di navigare, persa nel limbo della semi coscienza, ho fatto un balzo carpiato fuori dal letto e saltato la sedia da ufficio, con la stessa agilità con cui una gazzella ogni mattina in Africa si alza e…vabbè la storia la sapete.

La scena che si mi profila è la mia quattrenne che piange disperata, con la bocca piena di sangue. Giocando con Ariele è inciampata ed ha sbattuto la bocca su un baule. Il risultato: una gengiva gonfia e un incisivo arretrato e ciondolante.

Ariele, pallido e silente. Io tento – invano –  di dissimulare il panico. Come è noto, non è il mio forte.

Brita terrorizzata. In lacrime. Senza parole.

Mi guarda per un tempo che a me pare un’eternità e mi dice:

– Mamma, ho paura. Adesso avrò i denti storti e sarò brutta

– Ma no amore, tu non sarai mai brutta, nemmeno se dovessero caderti tutti i denti

– Ma non conta, tu sei la mia mamma. Gli altri penseranno che sono orrenda e non mi vorranno più bene

– Le persone buone ti vorranno bene anche se tu fossi bruttissima, perché vedranno sempre le cose speciali che hai dentro. Solo le persone cattive sono brutte

– Come la strega di Biancaneve? Che era brutta e cattiva?

– Esatto [che poi Brunilde è una grandissima gnocca, secondo me, ma sarei andata fuori tema e l’esempio non sarebbe stato calzante]

– Ho capito. Anche io, ti voglio bene mamma. Però hai i capelli come come Pinocchio, il naso rosso come la Pimpa e gli occhi gonfi come Nemo.

Insomma sei buona, ma sei un po’ bruttina con la febbre. Però per me sei sempre la mia bellissima mamma. E per fortuna una fidanzata l’hai trovata.

 

Ecco. Tu chiamale se vuoi….gioie della maternità.

17 commenti » Lascia un commento

  1. Viva la sincerità! xD Ma non era “Grimilde” la strega di Biancaneve?

      • Ho già risposto su FB, ma rispondo anche qui. Brunilde era una delle nove Valchirie, figlie di Wotan e della Terra. Lei era la prediletta di suo padre. Mi riferisco a “La Valchiria” di R. Wagner… 🙂

  2. Hai ragione: il fascino imperituro della stronza..quanto sono affascinanti. Ne sono vittima.

  3. Allora non è una vera ex-stronza: uno dei loro requisiti è il non scomparire mai!
    Sei una dilettante in materia!

    • La stronza si manifesta in varie forme, non credi? Poi, aldilà delle battute, non credo sia stronza. Sicuramente avrebbe potuto gestire meglio alcune “dinamiche”. Ma nessuno è perfetto 😉

  4. Mia figlia mi abbraccia dicendo, con la voce più dolce del mondo, “mamma, io ti voglio bene. Anche se non sei normale. Stai proprio male con quei capelli lì, sembri vecchia, hai dei gusti davvero brutti, ma ti voglio bene lo stesso. ” Ecco, le gioie della maternità…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: