Nuda veritas
20 Commenti

In – comprensioni: litigi e tafferugli in una famiglia “estesa”

Bella la famiglia allargata – ricostruita – estesa  – come vi pare. Ma a volte la gestione non è così semplice.

Ita ha vissuto i sui primi 9 anni da figlia unica. Ariele e Brita sono abituati ad essere fratelli da quando la nana è nata, ormai quasi 5 anni fa.

Mantenere la pace e l’armonia non è cosa banale. Soprattutto quando deflagra tra di loro il conflitto d’interessi.

Siamo in vacanza sulla neve con nonni al seguito. Totale 7 persone [anzi 6, visto che Brita è rientrata alla base, causa febbre allergica e influenza]. In uno spazio ridotto. Molto. Molto ridotto. E i dialoghi tra Ariele e Ita spesso diventano degli esercizi retorici davvero gradevoli. Tipo questo.

– Ariele sto leggendo puoi abbassare il volume della televisione?

– NO. Sto guardando un cartone. Non puoi andare a leggere in camera?

– Ma è buio in camera e poi voglio stare in salotto

– Anche io, ma mica ti ho detto che, se stai qui a leggere, mi disturbi!

– Che c’entra, ma a leggere non do noia a nessuno

– A me sì. Hai preso il mio posto sul divano

– Il TUO posto? Sulla base di cosa?

– Del fatto che mi ci ero seduto ieri

– Beh, ieri ti sei seduto anche sul water. Perché quel posto non lo rivendichi?

– Si, lo rivendicherò quando dovrai usarlo tu

– Non è un problema, andrò sul tuo letto

Illustrazione by Marianna Marigo

Della serie, piccole linguette biforcute crescono. E noi, spaparanzate sul letto, ce la ridiamo di nascosto. Darwin docet.

20 Commenti

  1. charlie68g dice

    certo che hanno proprietà dialettiche non indifferenti, avranno sicuramente successo nella vita

  2. luca dice

    Beh vedo che crescendo possono solo peggiorare.
    La mia di 22 mesi ha già il suo posto sul divano e se gli chiedi cho ha fatto casino la risposta è sempre una : papa

Rispondi