Nuda veritas
26 Commenti

Essere o non essere? [lesbica]

E se faceva casino Amleto, noi poveri mortali possiamo pure rilassarci. A volte le risposte non ci arrivano quando vorremo. Ci precipitano addosso quando pare a loro. Inutile affliggersi.

In realtà poi, spesso la risposta è dentro di noi. E non è che è sbagliata, solo che non vogliamo ascoltarla. O in mezzo a tutte le nostre convinzioni sociali e culturali che urlano, non riusciamo proprio a sentirla.

E così, passiamo il tempo a suddividere le nostre azioni in giuste e sbagliate, in bene e in male, senza preoccuparci di essere ciò che semplicemente siamo.

Per chi, come me, si accetta /si scopre omosessuale a quasi trentanni, con un background decisamente etero, con tanto di marito e figli, la domanda fissa è:

Ma non te ne potevi accorgere prima?

Si, forse me ne sarei anche potuta accorgere prima. Magari dopo la cotta per la mia migliore amica a 18 anni, du’ domande me le sarei potute fare. E magari tutte le volte che m’incantavo a guardare una donna, pure.

E invece la mia coscienza dormiva profondamente il sonno della ragione. Che nel mio caso non ha generato mostri, come sosteneva Kant, ma due bambini che sono la gioia della mia vita  [a volte, in realtà non li reggo, ma tutto nella norma].

E c’ho messo un bel po’ a far pace con la mia omofobia interiorizzata. Quella palla pelosa che avevo nel cervello e che mi faceva percepire l’omosessualità altrui come un fatto normale e la mia come una possibilità remota.

Nella mia testa confusa – e nemmeno troppo felice – sfrecciavano considerazioni volatili e contradditorie.

Fase 1 – La negazione

  • non sono lesbica, al massimo bisessuale
  • in una persona conta il carattere e come ci stai, mica il genere
  • non sono lesbica perché non mi vesto da maschio e odio i ray ban aviator
  • se fossi lesbica, l’avrei capito a 14 anni, mica ora
  • non posso essere lesbica, sennò gli uomini avrebbero dovuto farmi ribrezzo

Fase 2 – Il dubbio

  • magari sono lesbica… un pochino
  • in effetti non mi piacciono tutte le donne, solo lei
  • potrebbe essere una fase, tipo la varicella, poi passa
  • mi piace truccarmi ma pure avere i capelli corti, mah
  • ma quanto è bella quella?! – Mi riferivo alla sua borsa –

Fase 3 – L’accettazione con riserva

  • ripeti con me: l e s b i c a
  • ok, sono lesbica ma non lo dico troppo in giro
  • ma non c’è un termine più carino? Lesbica ha un brutto suono. Lella?!
  • faccio una lista di persone a cui dirlo e a chi no. Poi quelli si, li divido per due e sottraggo 33
  • lo dico solo alle prime 3 persone che hanno una maglia turchese

Fase 4 – L’accettazione ostentata

  • ok sono lesbica, allora lo dico a tutti
  • ciao, sono veronica e sono lesbica
  • hey you! lesbica is cool
  • “che ne sai se lesbica non seiiii”
  • mai più senza una donna

Fase 5 – L’equilibrio

  • sono lesbica e se capita nel discorso, lo dico
  • se qualcuno ha dei commenti negativi sulla faccenda, è un problema suo
  • i miei figli sono tranquilli, del resto del mondo minnifuttu
  • si vede che sono lesbica?! – Eh –
  • non si vede che sono lesbica?! – Eh  2 volte –

Illustrazione by Marianna Marigo

Ora spero mi venga la fase “voglia di mettermi a dieta”. Ma sto andando fuori tema.

26 Commenti

    • Fin da ragazzina ho considerato il sesso un’arte, uno straordinario mezzo di scambio di emozioni, sensazioni, energie tra due Esseri, e non ho mai reputato importante quello che “aveva tra le gambe” chi era vicino a me e fosse coinvolto questo scambio… era importante solo quello che reciprocamente eravamo in grado di smuovere dentro di noi… e allora… come posso “etichettarmi”??? Etero?? Lesbica?? Bisex?? Mah… diciamo solo che mi piace Vivere pienamente e assaporare la profondità della Vita, in qualsiasi forma sia!!! 😉

  1. Marta dice

    Storia simile, fino a quando (con mio totale stupore) sono finita con un uomo. E da quando sto con lui, sono molto più lella e “out & proud” di quanto fossi quando stavo con delle donzelle.

  2. lenny dice

    scusa.. ma come conosci la mia vita??? hahah io sono in pena fase tre… per fortuna c’è chi me lo fa notare e mi rendo conto di essere un odiosa ostentatrice..spero solo che arrivi presto la fase quattro..

  3. Elsa dice

    Sono tra la fase 2 e la 3.
    Magari sono lesbica… solo un pochino. Intanto lo dico almeno a due persone: la mia migliore amica e mio marito. Intanto continuo a fantasticare sulla mamma degli amichetti dei miei figli.
    È tutto un gran casino… E i prossimi sono 40.
    Il tuo blog è proprio quello che mi serviva per sentirmi meno aliena. 🙂

  4. ericagazzoldi dice

    “Voglia di mettermi a dieta”???!! NOOOOOOO!!!!!!! E’ una fase perversa e contro natura! xD

  5. Ok, dove mi hai impiantato il microchip?
    A parte tutto, i miei ultimi 4 anni in una pagina (solo che io sono più vecchia 😀 ). Attualmente mi godrei volentieri la pensione 🙂 in fase 5, ma diversi episodi di omofobia mi hanno spinto nella fase “Being Sylvia”, in cui ho tirato un tacco 12 e ora sto lavorando per un cambiamento culturale all’interno di una realtà cui appartengo.
    Grazie, perché come sempre sai descrivere la realtà e offrire spunti di riflessione con la leggerezza del planare dall’alto sulle cose. Un abbraccio grande.

Rispondi